Coronavirus

Aiuto economico immediato

Se fino a poco tempo fa la povertà in Svizzera era spesso invisibile, ora sono molte le persone che prima vivevano al limite della soglia della povertà e che la pandemia di coronavirus ha fatto sprofondare in una situazione di estrema difficoltà. Nel contesto attuale molti non riescono più a pagare le bollette o a fare una spesa regolare. In alcuni casi, i soldi non bastano neanche per sfamarsi. Grazie all’ondata di generosità mostrata dalla popolazione e dalle aziende svizzere, la Croce Rossa Svizzera (CRS) può offrire sostegno a chi si trova in ristrettezze a causa della crisi coronavirus fornendo un aiuto economico immediato in maniera semplice e rapida.

Contributi per le persone in difficoltà
Vi trovate in una situazione difficile e necessitate di un aiuto economico? La Croce Rossa è al vostro fianco e vi offre un contributo di 1000 franchi per pagare le bollette o per acquistare generi alimentari e prodotti per l’igiene come pannolini. Non esitate a rivolgervi alla Croce Rossa del vostro Cantone. Nel riquadro grigio «La Croce Rossa nelle vicinanze» sono indicati il numero di telefono e l’indirizzo e-mail della Croce Rossa più vicina a voi. Un nostro collaboratore sarà lieto di occuparsi della vostra richiesta.
Potenziamento dei contributi di aiuto immediato grazie ai buoni Coop
Nel suo ruolo di cooperativa, Coop tende una mano alle persone nella morsa della povertà con 3000 buoni d’acquisto del valore di 50 franchi. È un aiuto a chi si trova in gravi difficoltà a causa della pandemia di coronavirus che ora, oltre al contributo di 1000 franchi al mese della Croce Rossa, può beneficiare anche di buoni Coop con cui acquistare articoli di uso quotidiano.

Chi può richiedere un aiuto immediato?

I fondi della Catena della Solidarietà e forniti dalle aziende sono impiegati come aiuto economico immediato da destinare a persone colpite dalla povertà che si trovano a vivere ristrettezze economiche a causa della crisi coronavirus. La CRS non pone ulteriori requisiti (p.es. età, situazione familiare, status di soggiorno). Il principio che la guida è «essere al fianco di chi più ne ha bisogno».

Di che tipo di aiuto si tratta?

Le persone bisognose possono richiedere un aiuto economico del valore massimo di 1000 franchi al mese per nucleo familiare (famiglie o singoli) per i mesi di aprile, maggio e giugno (per un massimo di 3000 franchi totali nel corso dei tre mesi). Si può presentare una nuova richiesta al più presto a distanza di un mese dalla precedente. I contributi di aiuto immediato della Croce Rossa sono una modalità di sostegno semplice e rapida in questo periodo difficile e possono essere impiegati per acquistare generi alimentari o prodotti per l’igiene come pannolini. A seconda di come si evolverà la crisi e dei fondi disponibili, la CRS valuterà se potrà continuare a fornire questi contributi anche dopo il mese di giugno.

A chi rivolgersi?

Le persone in serie difficoltà possono mettersi in contatto tramite telefono o e-mail/posta con la Croce Rossa del loro Cantone, dove riceveranno consulenza e sostegno.