Prevenire le catastrofi

I fenomeni atmosferici estremi si verificano con sempre maggiore frequenza a causa del cambiamento climatico e provocano devastanti catastrofi in tutto il mondo. I più colpiti sono i Paesi poveri. La Croce Rossa Svizzera potenzia il suo impegno e aiuta i più vulnerabili a proteggersi meglio.

Sfide

Cambiamento climatico e catastrofi

In un’epoca segnata dal cambiamento climatico i fenomeni atmosferici estremi si verificano con sempre maggiore intensità. Oggi disastri come inondazioni, frane, siccità e uragani sono più violenti e frequenti. Il 97 per cento delle vittime di catastrofi naturali vivono in Paesi svantaggiati. In questi stessi Paesi sono i più poveri a pagare il prezzo più alto. Ogni anno oltre 200 milioni di persone vedono andare distrutte le loro fonti di sussistenza.

I più poveri e anche i più colpiti

Non potendosi permettere di meglio, le persone povere vivono generalmente in case mal costruite e in zone a rischio, senza avere la possibilità di prepararsi ad affrontare i pericoli in maniera adeguata. Poiché non dispongono né di risparmi né di un’assicurazione, quando vengono colpite da una catastrofe perdono tutte le loro fonti di sussistenza e spesso ci rimettono anche la salute.

Catastrofi e sviluppo

Molti dei Paesi e delle regioni maggiormente esposte ai fenomeni naturali impiegano così tanti mezzi per gestire le catastrofi che non dispongono poi dei fondi da attribuire allo sviluppo e alla lotta contro la povertà.

Il nostro obiettivo

Il nostro obiettivo è far sì che gli abitanti delle regioni a rischio siano più protetti in caso di catastrofe. Lo facciamo migliorando la loro resilienza di fronte ai disastri. Quando una zona è ripetutamente colpita, è importante che la popolazione sia ben preparata e sappia come reagire e prevenire i danni.


La CRS si impegna in 11 Paesi in Africa, Asia e America Latina per migliorare la prevenzione delle catastrofi. Con le nostre attività sosteniamo anche gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU «Povertà zero», «Città e comunità sostenibili» e «Agire per il clima».

Cosa facciamo

Com’è noto, prevenire è meglio che curare. I danni e le sofferenze provocati da una catastrofe sono minori quando si hanno i mezzi e le conoscenze per mettere in atto misure preventive adatte. È questo ciò che fa la CRS nei suoi programmi di prevenzione delle catastrofi basati su tre fasi diverse.

Analisi dei rischi

Identifichiamo insieme alla popolazione locale i pericoli naturali e i rischi ai quali gli abitanti sono esposti. Questi ultimi creano una cartina del comune sulla quale sono evidenziate le zone a rischio e le zone sicure. Vengono infine individuate le vie di fuga e i ripari di emergenza.

BUONO A SAPERSI

Evitare alti costi

Ogni anno le perdite finanziarie derivanti dalle catastrofi nel mondo superano i 250 miliardi di franchi. Sul lungo periodo ogni franco investito nella prevenzione delle catastrofi permette di risparmiare elevati costi dovuti ai danni.

Riduzione dei rischi

Per far sì che le catastrofi che si manifesteranno in futuro causino meno danni, la CRS costruisce infrastrutture come acquedotti, centri sanitari e luoghi di incontro resistenti a inondazioni e tempeste. Costruisce inoltre abitazioni antisismiche e si occupa di stabilizzare i pendii.

Trasmissione delle conoscenze

Le misure non riguardano solo l’edilizia, ma anche la sensibilizzazione nelle scuole. Gli alunni imparano cosa vuol dire prevenzione delle catastrofi e adattamento al cambiamento climatico. La CRS li informa anche sui temi legati alla salute e all’igiene, importantissimi nella prevenzione. Chi si nutre in modo sano e rispetta le regole di igiene ha infatti più possibilità di mantenersi in salute anche quando deve attraversare un periodo di difficoltà.

Preparazione in caso di catastrofe

La CRS promuove la creazione di comitati di villaggio, che mette in relazione con le autorità. Per reagire in maniera adeguata in caso di catastrofe, la comunità ha bisogno di squadre locali di primo soccorso e salvataggio. La CRS forma e sostiene i loro membri che elaborano piani di emergenza e di evacuazione. Le squadre organizzano regolarmente esercitazioni con la popolazione a rischio e hanno la responsabilità di intervenire se la comunità è colpita da un disastro. Sapere come comportarsi in caso di emergenza può infatti salvare vite. La CRS sostiene infine la creazione di sistemi di allarme che permettano agli abitanti di mettersi tempestivamente al riparo.

I nostri traguardi nel 2020

0

Paesi

La CRS si è impegnata nella prevenzione delle catastrofi in 11 Paesi in Asia, Africa e America Latina.

0

persone in salvo grazie ai sistemi di allarme

Il numero di persone che sono state messe in salvo grazie ai sistemi di allarme creati dalla CRS insieme alla popolazione locale.

0

comitati di villaggio

Il numero di comitati di villaggio sostenuti dalla CRS. Il loro ruolo è importante per proteggere gli abitanti di fronte ai pericoli naturali.

Dove aiutiamo

La CRS collabora in 11 Paesi con le sue Società consorelle della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa per promuovere la prevenzione delle catastrofi.

In Kirghizistan mi sono resa conto che bastano dei semplici lavori di canalizzazione per scongiurare il peggio. La prevenzione delle catastrofi evita tanto dolore e sofferenza.

Dominique Gisin, campionessa olimpica di sci e ambasciatrice della CRS

I nostri Paesi d’intervento

Come potete aiutarci

cross-heart-pattern

Aiutate chi ne ha più bisogno

Con questo gesto sostenete i soccorsi di emergenza a seguito di una catastrofe e vari progetti a favore delle persone in difficoltà.

Vorrei donare unica arrow-down.
Donare

Condividi questa pagina