Header

Meta Navigation

Lingua Semplice

Main Navigation

In Sudan centinaia di migliaia di persone hanno urgente bisogno di aiuto

News

Con lo scoppio degli scontri, in Sudan centinaia di migliaia di persone si trovano in una situazione di estrema vulnerabilità. La CRS ha messo a disposizione 500 000 franchi per i soccorsi. A Port Sudan un esperto di logistica del pool di emergenza della CRS ha coordinato la ricezione e la distribuzione dei beni del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa per tre mesi.

Nel Paese c’è urgente bisogno di materiale medico-sanitario. Quattro ospedali su cinque sono stati danneggiati o saccheggiati durante gli scontri iniziati a metà aprile e sono quindi fuori uso. Al tempo stesso i feriti bisognosi di cure sono moltissimi. La CRS, con il sostegno della Confederazione, finanzia anche l’invio di prodotti medico-sanitari destinati a decine di migliaia di persone.

Pericolo di malattie infettive

La popolazione ha urgentemente bisogno anche di cibo e acqua potabile. Molte famiglie sono bloccate nelle loro case e hanno esaurito tutte le scorte. Non c’è quasi più elettricità e comunicare è praticamente impossibile. Nel frattempo è iniziata la stagione delle piogge che, causando inondazioni e accumuli di acqua stagnante, aumenta il rischio di propagazione di malattia come la malaria, la dengue e il colera.

Condizioni di sicurezza precarie

Centinaia di volontari della Mezzaluna Rossa Sudanese fanno di tutto per dare riparo ai feriti e distribuire beni primari. Ricevono manforte dai partner del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, ma la situazione è pericolosa anche per loro.

La situazione in Sudan in cifre

0Persone

Il numero di persone colpite dal violento conflitto in Sudan

0Sfollati interni

Lo scoppio degli scontri in Sudan ha scatenato un massiccio flusso migratorio

0Percentuale

degli ospedali fuori servizio perché distrutti o saccheggiati

Soccorsi internazionali in corso

Per tre mesi un esperto di logistica della CRS ha fatto parte di un team composto da specialisti provenienti da tutto il mondo a Port Sudan, la città portuale in cui arrivano la maggior parte degli aiuti del Movimento prima di essere distribuiti nel minor tempo possibile in diverse regioni. ’

«Le tante volontarie e i tanti volontari della Mezzaluna Rossa Sudanese mi hanno profondamente colpito», racconta l’esperto della CRS Pedro Dias. «Nonostante anche loro abbiano perso persone care e stiano attraversando una situazione gravissima non cessano di prestare aiuto con immenso coraggio ed energia».

La popolazione ha un estremo bisogno di aiuti. Nonostante ciò sono ancora in funzione solo un aeroporto e un porto per far arrivare nel Paese i beni di soccorso internazionali. Le cattive condizioni di sicurezza complicano inoltre la loro distribuzione e rendono difficili le operazioni di aiuto.

Pedro Dias, esperto della CRS in logistica di emergenza

Due uomini e una donna davanti a una pila di pacchi di beni di soccorso.

Elenco degli aiuti della Mezzaluna Rossa e della Croce Rossa

  • Pasti e pacchi di alimenti

  • Kit di prodotti per l’igiene personale e domestica per persone in fuga

  • Primo soccorso e assistenza medica

  • Evacuazione dei feriti

  • Assistenza psicosociale

  • Cloro per le autorità usato per disinfettare l’acqua

3,3 milioni di persone in fuga

Gli scontri armati sono iniziati il 15 aprile nella capitale Khartoum per poi estendersi rapidamente ad altre regioni. Da allora il Paese è in preda al caos. Più di un migliaio di persone sono morte, decine di migliaia di civili sono rimasti feriti e 3,3 milioni di abitanti sono in fuga dalle continue violenze.

Tra loro 750 000 si sono rifugiati nelle nazioni confinanti. La CRS sostiene i soccorsi del Movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa anche in Egitto e si tiene pronta a prestare aiuti alle persone colpite anche in altri Paesi.

BUONO A SAPERSI

Migliorare salute e alimentazione

La CRS è attiva in Sudan da molti anni, dove porta avanti progetti sanitari, relativi ad acqua e igiene e alla sicurezza alimentare. Questi progetti a lungo termine sono stati interrotti dallo scoppio del conflitto armato. Per noi è tuttavia importante continuare ad essere al fianco degli abitanti e dei nostri colleghi sudanesi anche in un momento difficile come questo.

Emergenza in Sudan: il tuo aiuto è vitale

La tua donazione sarà impiegata direttamente per offrire protezione e assistenza umanitaria alle persone colpite dalle violenze in Sudan. Grazie di cuore della tua generosità.

Vorrei donare unica .
CHF60
(attivo)
CHF120
CHF175
CHF
Donare

Condividi questa pagina