Informazioni sui visti umanitari

Tabella dei contenuti

object-commentsContatti

Volete far venire in Svizzera i vostri familiari in pericolo o richiedere un visto umanitario? In questa pagina troverete informazioni su come procedere.

Chiusura del servizio di consulenza

Il servizio di consulenza è stato chiuso a metà del mese di dicembre 2021. La CRS ha analizzato gli sviluppi riguardanti le modalità legali di accesso alla protezione internazionale e, per il futuro, ha deciso di incanalare maggiormente le sue competenze e le risorse disponibili verso il ricongiungimento familiare. Rimaniamo in contatto con la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) per cercare insieme soluzioni che garantiscano l’accesso alla protezione internazionale a coloro la cui vita o integrità fisica è minacciata.

Consultare il rapporto conclusivo (in francese)

Che cos’è un visto umanitario?

In Svizzera i visti umanitari vengono rilasciati dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Possono ricevere un visto le persone la cui vita o integrità fisica è minacciata direttamente, seriamente e concretamente nel loro Paese d’origine. Anche il legame con la Svizzera è un fattore importante. Per ulteriori informazioni leggete la sezione «Requisiti».

La richiesta dev’essere consegnata di persona presso una rappresentanza svizzera (ambasciata o consolato).

Requisiti

Per ricevere un visto umanitario, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • la vita o l’integrità fisica della persona interessata è direttamente, seriamente e concretamente minacciata nel suo Paese d’origine o di provenienza;

  • la persona interessata è minacciata personalmente e in modo manifesto, non fa semplicemente parte di un gruppo potenzialmente in pericolo;

  • la persona interessata non ha altre opzioni a disposizione e si trova in una situazione di emergenza personale, che rende assolutamente necessario l’intervento delle autorità svizzere.

Ulteriori fattori importanti:

  • Legame con la Svizzera

  • Potenziale di integrazione

  • Impossibilità di cercare protezione in un altro Paese

ATTENZIONE

Valutare con attenzione le probabilità di ottenere un visto e i pericoli

Presentare una richiesta di visto è un’operazione molto costosa e rischiosa. Se nello Stato in cui vi trovate non c’è una rappresentanza svizzera dovrete recarvi in un altro Paese. Vi raccomandiamo perciò di valutare bene le probabilità e i rischi prima di decidere di mettervi in viaggio.

Procedura

Per richiedere un visto umanitario per la Svizzera dovete contattare direttamente una rappresentanza svizzera all’estero (per esempio un’ambasciata o un consolato) e fissare un appuntamento.

La lista stilata dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) riporta gli indirizzi e i contatti di tutte le rappresentanze ufficiali della Svizzera all’estero.

Prendete un appuntamento con un’e-mail in cui comunicate le informazioni seguenti:

  • la vostra decisione di richiedere un visto umanitario

  • nome, cognome e data di nascita di tutte le persone che intendono richiedere un visto umanitario

  • nome, cognome e data di nascita di uno o più familiari in Svizzera (in caso ce ne siano)

L’appuntamento in un’ambasciata dura molto poco e deve quindi essere ben preparato. Dovrete fornire i documenti seguenti:

  • una copia dell’e-mail di conferma dell’appuntamento per la domanda di visto

  • un modulo di domanda di visto compilato in modo integrale (in italiano, inglese, francese o tedesco) e firmato personalmente

  • un documento di viaggio (passaporto o carta d’identità)

  • una copia del documento di viaggio

  • due fototessere identiche, recenti e biometriche

  • un libretto di famiglia dettagliato

Lettera di accompagnamento

Oltre ai documenti appena indicati, avete bisogno anche di una lettera di accompagnamento. La lettera deve descrivere la vostra situazione sulla base delle domande contenute nel PDF «Visto umanitario | Informazioni sulla lettera di accompagnamento». Può essere scritta in italiano, inglese, francese o tedesco.

Siete partiti dal vostro Paese di provenienza per richiedere un visto umanitario? In questo caso è importante specificarlo nella lettera di accompagnamento.

Il nostro servizio fornisce modelli per la redazione di questo tipo di documenti in italiano, inglese, francese e tedesco.

L’ambasciata non riscuote alcun importo per le domande di visto umanitario.

Modulo di domanda di visto

Il modulo per la domanda di visto è disponibile sul sito della Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Scegliete il modulo di richiesta di visto nazionale D (per un soggiorno lungo). 

Buono a sapersi

Alle rappresentanze di Beirut, del Cairo, di Amman, di Islamabad e di Teheran, c’è la possibilità che vengano effettuati più controlli di sicurezza del solito. I tempi d’attesa possono quindi essere più lunghi.

I tempi dell’esame della richiesta possono variare e sono legati alla situazione dei richiedenti. Si va da un giorno a più mesi.

Costi

L’ambasciata non riscuote alcun importo per le domande di visto umanitario. Ma attenzione: presentare una richiesta di visto ha comunque costi molto elevati. Infatti, a seconda del Paese dovrete effettuare un viaggio lungo e pericoloso. Dovrete inoltre far effettuare e pagare le traduzioni dei documenti della domanda. Nel caso in cui la rappresentanza dovesse far ricorso a un interprete, è possibile che vi dobbiate far carico dei relativi costi.

Opposizione o ricorso

Se la rappresentanza svizzera ha rifiutato la vostra domanda, è possibile presentare opposizione alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Successivamente, vi è la possibilità di presentare ricorso presso il Tribunale amministrativo federale.

In caso di opposizione o di ricorso, raccomandiamo di consultare un avvocato. Diffidate però da chi vi garantisce una vittoria: spesso è molto difficile.

Condividi questa pagina