Stasera spaghetti al pomodoro: «Piacciono a tutti»

Reportage • 6.3.2022

La vita in Svizzera può rivelarsi un rompicapo per i profughi appena giunti nel nostro Paese. Come fare allora per aiutarli ad ambientarsi? Ci vuole una persona che li accompagni. Per Adil questa persona è Lena, volontaria della Croce Rossa. Da un anno e mezzo la volontaria aiuta il giovane siriano a integrarsi nel nostro Paese.

Offerte nella vostra regione

Volete imparare a conoscere e integrarvi nella società svizzera? Dovete compilare dei formulari, cercare un lavoro o un’abitazione?

Con il sostegno di un volontario della Croce Rossa è tutto più semplice.

Scoprite l’offerta nel vostro Cantone.

Selezionare il proprio cantone
Tra gli aiuti proposti per favorire l’integrazione ci sono corsi di lingua, sostegno ai giovani per entrare nel mondo del lavoro o sostegni economici.
Tra gli aiuti proposti per favorire l’integrazione ci sono corsi di lingua, sostegno ai giovani per entrare nel mondo del lavoro o sostegni economici.

Lena e Adil si incontrano in uno spazio di co-working vicino alla stazione ogni due settimane, secondo un calendario prestabilito. La prima ora è dedicata all’apprendimento del tedesco con esercizi di coniugazione dei verbi e di grammatica. «Sono una persona comunicativa, mi piace andare incontro agli altri e parlare di argomenti controversi tra amici» racconta Adil. Lena aggiunge: «È vero: man mano che impara ad esprimersi, le conversazioni con Adil si fanno sempre più interessanti».

Sono una persona comunicativa, mi piace andare incontro agli altri e parlare di argomenti controversi tra amici.

Adil. 21

Non è semplice

La Croce Rossa li ha messi in contatto, ma i due decidono liberamente quando incontrarsi in base alle loro disponibilità e alle necessità. Compilare un formulario, preparare un preventivo o un dossier di candidatura, cercare casa. Non è semplice, quando ci si trova in un Paese straniero.  Ma con l’aiuto di una persona di fiducia, si può fare.

È vero: man mano che impara ad esprimersi, le conversazioni con Adil si fanno sempre più interessanti.

Lena, 28

Calcio, amici e cucinare in compagnia

Anche oggi secondo il programma bisogna finalizzare una candidatura e compilare un formulario. Un gioco da ragazzi, quando a collaborare sono due persone così determinate. «Il mio sogno più grande sarebbe lavorare come assistente sociale a contatto con i giovani», racconta il giovane siriano. Al momento lavora presso il magazzino di una ditta di logistica, un lavoro che ha trovato grazie ai contatti di Lena. Il suo impiego gli piace ed è contento: «Ora ho degli amici che incontro anche al di fuori del lavoro». Gli hobby che praticava in Siria non sono molto diversi da quelli che ha oggi in Svizzera: giocare a calcio, incontrare gli amici, cucinare in compagnia.

Il mio sogno più grande sarebbe lavorare come assistente sociale a contatto con i giovani.

Adil, 21

Mediatrice culturale, insegnante di lingua e interlocutrice

Lena ha vissuto un anno in Francia e sa quanto è importante avere una rete di conoscenze. In veste di volontaria della CRS, Lena fa da mediatrice culturale, insegnante di lingua e interlocutrice, aiutando Adil ad integrarsi nella nostra società. «Mi fa piacere impegnarmi per aiutare un’altra persona e compiere una buona azione per la società». Con il suo aiuto, oltre a trovare lavoro, Adil ha anche trovato una piccola abitazione.

Mi fa piacere impegnarmi per aiutare un’altra persona e compiere una buona azione per la società.

Lena, 28

Cucinare in Svizzera

Due ore dopo tutti i punti all’ordine del giorno sono stati trattati. Libri, laptop e matite vengono riposti negli zaini e i due si incamminano verso casa di Lena. Il mese scorso hanno fatto una raclette, mentre oggi Adil e un suo amico cucineranno per Lena e le sue coinquiline. «Cucinare qui in Svizzera è una nuova esperienza per me». Anche in questo ambito Lena gli ha dato qualche consiglio. Stasera spaghetti al pomodoro: «Piacciono a tutti», dice Adil sorridendo.

Condividi questa pagina