Giornata mondiale della Croce Rossa

La Giornata mondiale della Croce Rossa dedicata agli eroi del volontariato

Svolgono un ruolo essenziale per la società, soprattutto nella lotta alla pandemia di coronavirus. Per questo motivo la Croce Rossa Svizzera (CRS) dedica la Giornata mondiale della Croce Rossa di quest’anno agli eroi e alle eroine del volontariato.

I volontari, tra le tante attività, si occupano di consegnare la spesa a persone a rischio, si prendono cura di chi è solo, e sostengono genitori in difficoltà. In breve: sono lì dove c’è bisogno di loro. In maniera semplice e senza ricevere nulla in cambio.

Figure centrali nella lotta al coronavirus

Durante la pandemia di coronavirus in Svizzera si è assistito a una grande ondata di solidarietà. Già soltanto alla Croce Rossa sono oltre 5000 i nuovi volontari che si sono messi a disposizione dall’inizio della crisi.

Aiuti per i gruppi a rischio

Flora Cammerlander, coordinatrice dei volontari presso la Croce Rossa Gioventù del Canton Argovia, racconta: «Sono positivamente colpita da quanti volontari si offrono ogni giorno di aiutare il prossimo in questo momento difficile. La loro solidarietà ci permette di fornire sostegno a persone che rientrano in categorie a rischio in modo semplice e veloce».

L’importanza del volontariato

Il presidente della CRS Thomas Heiniger si augura che questo spirito di solidarietà non vada perso con la fine della crisi. «L’attualità ci ha brutalmente ricordato quanto la forza e l’indipendenza siano fragili e come da un momento all’altro il sostegno reciproco possa diventare fondamentale. Mi auguro che questa solidarietà e questa motivazione a rimanere uniti continuino a esistere anche un domani». Anche in tempi normali molte prestazioni della CRS sono possibili solo grazie all’impegno non retribuito dei 53 000 volontari delle organizzazioni della CRS. L’8 maggio desideriamo dire grazie a tutti loro.