Migrazione e vecchiaia al centro di un nuovo film

NOI RESTIAMO. Migranti anziani in Svizzera

«Noi restiamo» riprende la vita di tre coppie e di un uomo anziano provenienti da Italia, Spagna, Kosovo, Cina e Giappone, immigrati in Svizzera per lavorare come operaio, aiuto domestico, macellaio, cameriere e commessa.

La CRS ha prodotto un documentario della durata di 19 minuti sulla situazione sanitaria dei migranti anziani residenti in Svizzera. «Noi restiamo» si rivolge in particolare a professionisti e istituzioni e mira a promuovere i contatti con questo gruppo target.

www.migesplus.ch: il portale della CRS su migrazione e salute

Documentario, 2016, 19 minuti
Regia: Romana Lanfranconi (Voltafilm Luzern)
Committente: Croce Rossa Svizzera (CRS)
Finanziamento: Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e CRS

Streaming e download: gratuiti
Scheda di memoria e brochure: 20.- franchi (disponibili da febbraio 2017)

Lingue disponibili: it/fr/de/de&fr

Fino agli anni ‘90 gli esperti erano convinti che, una volta raggiunta la terza età, i migranti sarebbero ritornati nei loro Paesi di origine. Oggi però la realtà si dimostra ben diversa. In Svizzera la molteplicità socioculturale della popolazione anziana continua ad aumentare. Alla fine del 2015 i migranti di età superiore ai 50 anni stabilmente residenti nel nostro Paese erano all’incirca 500 000. Cresce al contempo il numero di migranti anziani che, a causa delle loro cattive condizioni finanziarie e di salute, necessitano di prestazioni sanitarie di buona qualità e adeguate alle loro esigenze. Per il settore sanitario svizzero questo fenomeno rappresenta una sfida che molte delle sue istituzioni non sono ancora sufficientemente pronte ad affrontare.

Su incarico della CRS e del BAG, la regista lucernese Romana Lanfranconi ha realizzato il documentario di 19 minuti «Noi restiamo», che mira a sensibilizzare sul tema «migrazione e vecchiaia» mostrando storie di vita concrete.

Il cortometraggio riprende la vita di tre coppie e di un uomo anziano provenienti da Italia, Spagna, Kosovo, Cina e Giappone, immigrati in Svizzera per lavorare come operaio, aiuto domestico, macellaio, cameriere e commessa. Queste persone hanno fondato qui le loro famiglie, qui si sentono a casa e qui hanno deciso di restare fino alla fine della loro vita.

«Noi restiamo» lancia uno sguardo nel quotidiano e nelle vite di migranti in età avanzata. Il documentario trasmette informazioni specialistiche e mostra i bisogni in materia di informazione, sostegno, integrazione e come le strutture di cura e per anziani, nonché le offerte formative, possono avvalersene.

Grazie ai racconti di storie di vita uniche e le diverse angolazioni da cui il tema è trattato, il documentario è adatto sia per discussioni sull’argomento «migrazione e vecchiaia» sia per la formazione e il perfezionamento di professionisti del settore sociosanitario.