Nepal

Grande successo per l’apertura della nuova clinica oftalmica

A maggio 2017 ha avuto luogo l’inaugurazione della nuova clinica oftalmica costruita dalla Croce Rossa in Nepal. Due milioni di abitanti della regione centro-occidentale possono ora beneficiare di prestazioni oculistiche.

In Nepal, come in molti altri paesi afflitti dalla povertà, la cecità è largamente diffusa. In molti casi, però, la perdita della vista avrebbe potuto essere evitata se le persone colpite avessero avuto accesso alle informazioni e alle cure necessarie.
La Croce Rossa Svizzera (CRS) opera nel paese da oltre 35 anni per individuare, prevenire e trattare le malattie oculari. Oggi l’apertura di una clinica oftalmica nel distretto di Surkhet – regione particolarmente povera, situata nel centro-ovest del paese – segna un importante traguardo per l’organizzazione, che crea così un accesso alle cure oculistiche per due milioni di persone. L’ospedale ha iniziato la sua attività prima dell’inaugurazione nell’aprile del 2016, e ha già trattato circa 60 000 pazienti. All’apertura ufficiale, avvenuta a maggio, hanno partecipato personaggi di spicco del mondo politico e sociale.

Una struttura moderna con personale qualificato

Ursula Schmid, responsabile del programma CRS in Nepal, è estremamente contenta di questo risultato: «La nostra équipe è molto impegnata e professionale. Sono particolarmente soddisfatta del fatto che l’ospedale risponda a un grande bisogno della popolazione locale; sono già migliaia i pazienti che si sono avvalsi delle sue cure». Questi ultimi beneficiano di un trattamento di alto livello da parte di personale qualificato, in una struttura caratterizzata dai più moderni standard. Finora ciò ha permesso a oltre 2000 persone di riacquistare la vista.

In collaborazione con la Croce Rossa Nepalese e grazie al sostegno finanziario della Fondazione Lindenhof e di Vision for All, la CRS ha partecipato alla costruzione e all’equipaggiamento dell’ospedale. L’obiettivo è far sì che diventi completamente indipendente entro il 2020.

Galleria fotografica