Cure mediche di base

Lo spirito di Alma Ata

Questo autunno ricorre il quarantesimo anniversario di una tappa fondamentale della cooperazione internazionale in ambito sanitario: alla Conferenza dell’ONU di Alma Ata (Kazakistan) del 1978 è stato sancito per la prima volta il diritto di tutti alla salute. Una panoramica dal punto di vista della CRS.

Da molto tempo, la cooperazione in ambito sanitario costituisce uno dei pilastri fondanti delle attività della Croce Rossa Svizzera (CRS) all’estero. Come ricorda l’ex collaboratrice Vreni Wenger, la Croce Rossa Svizzera ha fatto immediatamente proprio il motto della Conferenza di Alma Ata del 1978, che recitava: «Salute per tutti». Parallelamente agli aiuti di emergenza sono stati avviati programmi incentrati sull’assistenza sanitaria di base nei Paesi dell’Asia e dell’America Latina. Vreni Wenger ci spiega: «La CRS ha svolto un lavoro pionieristico. Negli anni ‘70, quando la salute non rappresentava ancora un ambito di sviluppo riconosciuto, Alma Ata ha fornito un primo quadro organizzativo per la collaborazione in materia di salute». L’ex collaboratrice ha iniziato a lavorare alla Croce Rossa Svizzera negli anni ‘70, in qualità di responsabile di programma, ed è stata co-direttrice del dipartimento Cooperazione internazionale fino al pensionamento nel 2003.

Thomas Gass, che dal 2014 è a capo del servizio Ricerca e sviluppo della CRS, conferma che i principi di Alma Ata sono tuttora validi e commenta così: «L’assistenza sanitaria primaria (Primary Health Care) è divenuta parte integrante dell’impegno a lungo termine della CRS. È proprio questa attenzione particolare rivolta allo sviluppo e alla salute a distinguerci dalle altre Società della Croce Rossa».

Salute per tutti

Thomas Gass e Vreni Wenger sono persuasi che, oggi più che mai, è fondamentale impegnarsi a favore del diritto alla salute e sottolineano che: «È imperativo reclamare il diritto alla salute dei 400 milioni di individui che ad oggi non hanno accesso all’assistenza sanitaria di base». Questa necessità è stata integrata negli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU (OSS 3 - Salute e benessere) e rientra tra le priorità della CRS.

L’intervista integrale della CRS a Vreni Wenger e Thomas Gass relativa al quarantesimo anniversario della Dichiarazione di Alma Ata è disponibile nel bollettino di Medicus Mundi Svizzera. La Croce Rossa Svizzera è un membro del network Medicus Mundi Svizzera, una rete che riunisce operatori del settore della cooperazione in ambito sanitario.