Bangladesh

La presidente della CRS in visita ai campi profughi

Annemarie Huber-Hotz, presidente della Croce Rossa Svizzera, si recherà in Bangladesh dall’8 al 13 luglio. Con questa visita intende sostenere in loco il lavoro della CRS e dei delegati.

La presidente della CRS visiterà principalmente il sud del paese, dove dallo scorso settembre sono rifugiate centinaia di migliaia di persone fuggite dalle violenze perpetrate nei loro confronti nello stato di Rakhine, nell’ovest del Myanmar. Nei campi profughi del Bangladesh le condizioni di vita sono molto dure: innumerevoli rifugiati sono traumatizzati, le infrastrutture sono assolutamente insufficienti e la situazione igienico-sanitaria è estremamente precaria. A tutto ciò si aggiungono le piogge monsoniche che rendono le circostanze ancora più critiche.

In Bangladesh Annemarie Huber-Hotz incontrerà il team locale della CRS nonché i rappresentanti delle autorità, della Mezzaluna Rossa nazionale e del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. La presidente tiene particolarmente a entrare in diretto contatto anche con le persone che vivono nei campi e a parlare con loro.

«Per la CRS il Bangladesh è un paese importante, in cui operiamo già da decenni e la crisi legata ai profughi del Myanmar mi preoccupa molto, anche sul piano personale», ha dichiarato Annemarie Huber-Hotz prima di partire. «Con questa visita voglio rendermi conto con i miei occhi della situazione e portare il mio sostegno ai nostri delegati e ai nostri partner».

La CRS è impegnata nei campi profughi nel sud del paese sin dall’inizio della crisi, nel settembre scorso, e ha inviato sul posto esperti in soccorsi di emergenza del settore igienico-sanitario. Ha inoltre avviato progetti idrici e igienici e, in collaborazione con le autorità sanitarie, allestito dei centri per l’assistenza medica di base. Tali attività vanno a beneficio non soltanto dei profughi, ma anche della popolazione locale. Nell’ambito dei suoi programmi di sviluppo a lungo termine, la CRS è attiva nel paese del sud-est asiatico da quasi 40 anni.