Bahamas

La CRS sostiene gli aiuti d’emergenza dopo il passaggio dell’uragano Dorian

L’uragano Dorian ha causato danni immani nell’arcipelago delle Bahamas. Al momento la Croce Rossa soccorre le vittime della catastrofe fornendo ripari e acqua potabile. Con il sostegno della Confederazione, la Croce Rossa Svizzera (CRS) partecipa agli aiuti del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa con un contributo di 200 000 franchi e ha inviato sul posto uno specialista nella costruzione di alloggi d’emergenza.

Il 1° settembre Dorian si è abbattuto sulle Bahamas con venti che raggiungevano quasi i 300 chilometri orari. I primi bilanci effettuati dalle autorità locali e dalla Croce Rossa rilevano danni incalcolabili nelle isole di Abaco e Grand Bahama. Le raffiche di vento e le forti piogge dell’uragano di categoria 5 potrebbero aver distrutto fino a 13 000 case lasciando senza un tetto moltissime persone. Inoltre le massicce inondazioni nell’isola di Abaco hanno contaminato numerosi pozzi con acqua salata ai danni delle riserve di acqua potabile.

In questa prima fase la Federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa offre sostegno a circa 500 famiglie fornendo loro materiale per la costruzione di alloggi d’emergenza, coperte e utensili per cucinare. Sono 20 000 le persone classificate come vulnerabili che riceveranno aiuti d’emergenza.

Con il sostegno della Confederazione, la CRS partecipa agli aiuti del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa con un contributo di 200 000 franchi e ha inviato sul posto un esperto nella costruzione di alloggi d’emergenza.