Comunicato stampa

La CRS invia un team di soccorso in Mozambico

Il ciclone Idai ha travolto il sud-est dell’Africa lasciando dietro di sé danni incalcolabili. La Croce Rossa Svizzera (CRS) invia in Mozambico un team di esperti in logistica incaricati di coordinare gli aiuti del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

I sette esperti in logistica che compongono il team di soccorso della CRS si preparano a partire nel pomeriggio di giovedì dall’aeroporto di Zurigo-Kloten per raggiungere le zone della catastrofe. Nelle prossime settimane la squadra si occuperà in particolare di gestire e distribuire i beni forniti dal Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa provenienti dall’estero. Dovrà inoltre definire quali prodotti di primaria necessità – cibo, acqua potabile, tende, materiale edile, ecc. – è possibile procurarsi sul posto o tramite i depositi della Società consorella nazionale e quali merci dovranno invece essere acquistate altrove.

I team di intervento della CRS hanno alle spalle una lunga esperienza nel coordinare la distribuzione di beni di soccorso alle vittime di catastrofi naturali. Gli ultimi dei numerosi interventi sono state le missioni di aiuto nei Caraibi dopo il passaggio dell’uragano Irma e ad Haiti dopo l’uragano Matthew.

Entità dei danni ancora incerta

Il ciclone Idai ha travolto il Mozambico con venti impetuosi tra i 170 e i 190 chilometri orari nella notte tra il 14 e il 15 marzo, causando gravissime devastazioni in particolare nella città di Beira. Anche lo Zimbabwe è stato duramente colpito dalla tempesta. L’entità dei danni nella regione resta ancora incerta e molte zone continuano a essere totalmente inaccessibili. Nel solo Stato del Mozambico si temono oltre 1000 vittime – un numero che potrebbe aumentare nei prossimi giorni a causa delle forti precipitazioni e delle alluvioni che hanno accompagnato il ciclone.

Già dall’inizio del mese la regione è colpita da inondazioni causate dalle forti piogge. Anche nel vicino Malawi, Paese in cui la CRS porta avanti vari progetti a lungo termine, nelle scorse settimane sono morte di più di 50 persone e sono andate distrutte le case di migliaia di abitanti. La Croce Rossa locale lavora insieme alla CRS per costruire alloggi di emergenza e impianti sanitari e distribuire beni di soccorso come viveri e oggetti di uso domestico.

La CRS è grata per ogni donazione sul conto postale 30-9700-0, IBAN: CH97 0900 0000 3000 9700 0, menzione «Inondazioni Africa».

Comunicato stampa PDF

La Croce Rossa nelle vicinanze

Panoramica delle offerte nella Sua regione

Newsletter