Oro vecchio per donare la vista

12 ottobre 2017 – Giornata mondiale della vista: regalare la vista donando l’oro dentale

Vedere è come respirare, un’azione scontata per la maggior parte di noi. Eppure nel mondo 253 milioni di persone vedono poco o niente, anche se non dovrebbe essere così.

Nel mondo 36 milioni di persone sono cieche e un numero molto più alto soffre di deficit visivi. Ciò che sorprende è che in realtà la maggior parte di loro potrebbe vederci. Le malattie di cui soffrono, infatti, sono curabili e i trattamenti necessari non particolarmente costosi.

Quasi tutte le persone colpite, tuttavia, vivono in un paese in via di sviluppo in cui o non hanno accesso alle cure mediche o non hanno i mezzi per farsi curare, oppure addirittura entrambe le cose.

Il prossimo 12 ottobre ricorre la Giornata mondiale della vista, un evento internazionale che ha l’intento di aiutare queste persone particolarmente vulnerabili. All’insegna del motto #MakeVisionCount invitiamo ognuno di voi a prestare il proprio contributo a questo fine.

Piccolo contributo, grande aiuto

In paesi come il Nepal o il Ghana, un medico può effettuare un’operazione di cataratta con appena 50 franchi per occhio: un piccolo contributo che può fare la differenza tra il buio e la luce. L’importo può essere donato in diversi modi, ad esempio sotto forma di oro dentale.

In collaborazione con i dentisti svizzeri, la Croce Rossa Svizzera (CRS) raccoglie corone, ponti o atri tipi di protesi dentali d’oro o di altri metalli preziosi. Questi vengono poi fusi e venduti. Il ricavato della loro vendita viene impiegato a favore di persone cieche e ipovedenti nei paesi in via di sviluppo. Due corone d’oro bastano per finanziare l’operazione a un occhio.

In Svizzera molte persone dai 45 anni in su hanno una corona d’oro o una protesi dentale di un altro metallo prezioso, spiega la dentista Luisa Schmid-Messerli, sostenitrice del progetto Oro vecchio per donare la vista della CRS. Ogni volta che estrae una corona d’oro, la dottoressa informa i suoi pazienti sulla possibilità di donarla a favore del programma.

Un aiuto davvero efficace

Coloro che non hanno corone d’oro che vanno estratte possono sostenere il progetto della CRS anche donando vecchi gioielli in oro o argento. Questi vengono ripuliti, stimati e infine venduti. Come per l’oro dentale, il loro ricavato va a sostegno di persone cieche e ipovedenti nei paesi in via di sviluppo.

È infine possibile aiutare con delle donazioni in denaro. Sia contributi singoli che sostegni regolari, come i padrinati, sono estremamente benaccetti. Un importo di 50 franchi al mese rappresenta già un aiuto prezioso.

Le cifre attuali sulla situazione globale sono incoraggianti: a livello mondiale, tra il 1990 e il 2015 il numero di persone cieche e ipovedenti a causa di malattie curabili è sceso dal 4,6 al 3,4 per cento.

Sono le belle notizie come questa che ci infondono la forza di andare avanti. Scendiamo in campo tutti insieme per continuare a ridurre la cecità legata alla povertà. #MakeVisionCount