Ricostruzione

Più sicurezza dopo la catastrofe

Dopo aver prestato i soccorsi d’emergenza, la CRS aiuta la popolazione a ritrovare una quotidianità dignitosa e autodeterminata. Oltre a ricostruire case e strutture pubbliche, è importante occuparsi della prevenzione delle catastrofi e della riabilitazione sociale ed economica.

Le conseguenze delle catastrofi naturali incidono per anni sulla vita delle popolazioni colpite. Per evitare che gli alloggi temporanei diventino una sistemazione definitiva, la Croce Rossa Svizzera (CRS) inizia la ricostruzione al più presto. Le famiglie partecipano attivamente alla progettazione e alla costruzione delle case e dei servizi igienici in funzione delle condizioni locali come pure al ripristino di fontane e acquedotti. In collaborazione con le consorelle locali e le autorità, la CRS allestisce ospedali, centri sanitari e scuole. La CRS imposta la sua attività di ricostruzione secondo l’approccio «build-back-safer» per rafforzare la resilienza di sistemi e strutture.

The Shelter Effect or how a safe home can change everything.

© IFRC

Prevenire le catastrofi

Davanti all’aumento delle catastrofi naturali, la CRS intensifica gli sforzi nell’ambito della prevenzione. Un impegno particolarmente importante soprattutto in Paesi come l’Honduras, il Nepal, le Filippine, Haiti o il Vietnam, colpiti regolarmente dalle catastrofi naturali. Oltre a fornire coperte e tende, la Croce Rossa forma squadre di salvataggio locali affinché possano allertare tempestivamente la popolazione, prestare i primi soccorsi, estrarre le vittime dalle macerie e procedere alle evacuazioni.

Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

Nelle regioni colpite da una catastrofe naturale, la Federazione internazionale delle Società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR) coordina gli aiuti alla ricostruzione in collaborazione con le Società nazionali e con i volontari. Nelle regioni di guerra, la CRS collabora con il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR).