Emergenza coronavirus

La piattaforma aide-maintenant.ch passa nelle mani della Croce Rossa Svizzera

Dal mese di agosto la piattaforma aide-maintenant.ch sarà gestita dalla Croce Rossa Svizzera (CRS), che ne assicurerà il funzionamento sul lungo periodo. Durante la crisi coronavirus sulla piattaforma si sono registrati più di 1200 gruppi di aiuto. Grazie alle competenze della CRS in materia, in caso di una seconda ondata questa rete di volontari potrà offrire di nuovo il suo aiuto.

Servizi di consegna della spesa per persone a rischio, quattro chiacchiere per combattere l’isolamento, coordinamento di aiuti tra vicini di casa: nei mesi di emergenza coronavirus in Svizzera si è assistito a un aumento senza precedenti dell’impegno civile. Tra le varie iniziative lanciate dal mese di marzo 2020 figura anche la piattaforma di aiuti aide-maintenant.ch, che permette a chi ne ha bisogno di trovare aiuto nei paraggi indicando semplicemente il proprio NPA. I gruppi registrati online, che in certi momenti hanno superato quota 1200, ricevono istruzioni per coordinarsi. A quattro mesi dallo scoppio della pandemia, la piattaforma passa nelle mani della CRS, che ne assicurerà l’esistenza sul lungo periodo.

Grande prova di solidarietà

La CRS è lieta di poter garantire sul lungo periodo le attività di volontariato dei gruppi di aide-maintenant.ch fornendo loro assistenza. Per Markus Mader, direttore della CRS: «L’emergenza coronavirus ha innescato una sorprendente ondata di solidarietà. Grazie a aide-maintenant.ch tante persone hanno potuto usufruire del prezioso aiuto dei gruppi di volontari. Forti delle nostre competenze nel settore del volontariato intendiamo continuare a sostenere e promuovere questo tipo di attività anche in futuro».

In Svizzera le forme di volontariato flessibili e informali assumono sempre maggiore importanza, come confermato anche dall’Osservatorio del volontariato 2020, che ha rilevato che 7 persone su 10 aiutano di tanto in tanto i loro vicini. Per sfruttare questo potenziale c’è bisogno di persone disposte a intervenire con poco preavviso e di attività ben coordinate, che si combinino bene con la vita professionale e privata.

La piattaforma aide-maintenant.ch ha trovato nella CRS un partner con un’esperienza pluriennale nel settore. «Non ci potrebbe essere soluzione migliore», ha commentato la coordinatrice di progetto Vivien Jobé. Con i suoi 53 000 volontari, la CRS è la maggiore organizzazione di volontariato svizzera nel settore sociosanitario e nel campo del salvataggio. Dallo scoppio della pandemia di coronavirus, la CRS ha continuamente adeguato le sue offerte alla nuova situazione e alle misure di sicurezza, creando anche nuove prestazioni come il servizio di consegna della spesa a domicilio e l’Aiuto economico immediato.