Terremoto in Italia

Terrore senza fine in Italia – la Croce Rossa è sul posto

La terra non cessa di tremare nell’Italia centrale, dove un violento terremoto ha distrutto edifici e generato terrore tra la popolazione. La CRS si tiene pronta a intervenire per sostenere la Croce Rossa Italiana.

La Croce Rossa Italiana affianca la protezione civile negli interventi di ricerca e salvataggio in seguito alla scossa di magnitudo 6.5 registrata la mattina di domenica 30 ottobre. Ambulanze e veicoli speciali sono stati messi a disposizione. Circa 200 volontari della Croce Rossa Italiana distribuiscono cibo nelle postazioni mobili e prestano sostegno psicosociale.

Il sisma di domenica, con epicentro a 70 km a sud-ovest di Perugia, si è verificato in una regione che aveva già più volte tremato nelle ultime settimane. Gravi danni dovuti a due scosse erano stati registrati il mercoledì precedente, mentre il 24 agosto il Lazio era stato colpito da un terremoto costato la vita a 300 persone.

Decine di migliaia di senzatetto

I recenti avvenimenti hanno causato numerosi feriti, ma nessuna vittima poiché gli abitanti avevano già abbandonato le loro case in seguito alle precedenti scosse. Alcune zone erano state inoltre completamente evacuate. Decine di migliaia di persone sono rimaste senza un tetto.

La CRS è in contatto con i suoi partner in Italia e ha offerto il proprio sostegno. Finora non è stato richiesto alcun intervento. Nel caso in cui l’aiuto della CRS non fosse necessario, le donazioni ricevute verranno trasmesse alla Croce Rossa Italiana per sostenere i suoi soccorsi.